Bando Erasmus Plus: 2 progetti approvati

12 January 2015
Nell'ambito del bando europeo ERASMUS PLUS Nerosubianco ha visto finanziati due importanti progetti strategici che hanno coinvolto un partenariato composto da imprese, università, associazioni di ricerca, camere di commercio e agenzia di sviluppo regionale con sedi in Italia, Ungheria, Olanda, Serbia, Austria e Grecia.
 

Progetto: SMART CITIES COACHING

Parners:

NEROSUBIANCO SRL – capofila- (Italia)

CRAVEB (Italia)

PANNON GAZDASAGI HALOZAT EGYESUELET (Ungheria)

CHAMBER OF COMMERCE AND INDUSTRY OF SERBIA (Serbia)

STADTLABORGRAZ (Austria)

MILITOS CONSULTING S.A. (Grecia)

NHL HOGESCHOOL (Olanda)

Il partenariato vede come capofila del progetto la società di consulenza NerosuBianco, un consorzio scientifico sulla ricerca industriale, un’agenzia di sviluppo regionale della Pannonia, la Camera di Commercio Serba, un’associazione di ricerca privata no-profit che fa delle tecnologie per le Smart city il suo settore di attività principale, una società di consulenza greca e un’Università di Scienze Applicate Olandese.

 

Budget: euro 446.300,00

 

Il partenariato strategico si concentrerà sull'introduzione di concetti di formazione per i cosiddetti "formatori di Smart cities", al fine di introdurre questo ruolo a diversi livelli della società, come moltiplicatori per lo sviluppo e il sostegno delle città intelligenti. In questo modo (affidando i problemi relativi all’implementazione di città sostenibili a enti pubblici, privati e sociale) la creazione di innovazione, imprenditorialità e opportunità lavorative saranno stimolate nel medio termine a livello locale.

Iniziative e progetti sulle Smart city diventano sempre più importanti in Europa per diversi motivi:

  • per far fronte alle sfide del cambiamento climatico, dell'urbanizzazione e delle tendenze demografiche
  • per aumentare l'efficienza energetica nelle regioni urbane
  • per trovare soluzioni innovative per la mobilità urbana eco-sostenibile
  • per  introdurre soluzioni ICT per le infrastrutture urbane e i processi di approvvigionamento.

La parte innovativa del progetto riguarda:

-          L'approccio intersettoriale degli argomenti trattati (da Smart Governance, imprese e consumatori Smart fino alla cittadinanza intelligente)

-          Il coinvolgimento attivo dei diversi livelli della società nelle sessioni di training (amministrazioni pubbliche, imprese, la ricerca, ONG, società civile)

-          I concetti di formazione saranno altamente interattivi e potranno essere organizzati come laboratori di vita nelle città.

 

 

Progetto: PLAY COMMERCE

Partners:

HDS POLSKA SPOLKA Z O.O. – capofila – (Polonia)

ASCOM CONFCOMMERCIO (Italia)

HOMINEM CHALLENGE SL (Spagna)

ORANGE HILL Sp. z o.o. (Polonia)

Il partenariato coinvolge organizzazioni provenienti da tre diversi paesi (Italia, Spagna, Polonia), tra cui una rete di vendita al dettaglio polacca come capofila, ConfCommercio Veneto in qualità di associazione di imprese del settore e due  società di consulenza strategica (Spagna, Polonia).

 

Budget: euro 299.256,00

 

Il progetto si basa sul concetto di "Business Play Board Game - simulazione di gestione della propria impresa", un nuovo strumento nel mercato della formazione polacca. In questo progetto,  verrà usato come base per lo sviluppo di una metodologia di insegnamento e di strumenti nel campo della gestione aziendale. Non verrà trasferito il contenuto del gioco, ma solo le regole la meccanica verranno usate per sviluppare un gioco completamente nuovo adatto al settore franchising.

L'obiettivo del progetto è quello di facilitare il livellamento tra le competenze della forza lavoro e le competenze richieste dal settore commerciale di vendita al dettaglio, attraverso il rafforzamento della qualità e della pertinenza dell’insegnamento e del training continuo (CVET) offerti per le reti di vendita al dettaglio nei 3 paesi partner dal 2016/08/31 (Italia, Spagna, Polonia)